Ieri, con la mozione da noi presentata, abbiamo chiesto il ritiro o sostanziale modifica del gravissimo atto emesso dalla Regione il 20 Agosto, che senza considerare problematiche legate alla salute dei cittadini o del territorio dove insisterebbe l’impianto, “autorizza” la realizzazione della centrale Biogas, scaricando la responsabilità su altri soggetti.
La Regione Lazio, a guida PD, nonostante le inutili dichiarazioni di facciata, negli atti prosegue la strada (auspicata dal Governo Nazionale) della chiusura del ciclo dei rifiuti attraverso inceneritori di rifiuti, di biomassa e compostaggio anaerobico.
Nella audizione tenutasi presso la Regione Lazio, si è discusso prevalentemente di incentivi si o incentivi no. E questo è il risultato.
Non hanno finora prodotto risultati i ripetuti appelli sia in ambito medico che scientifico da Professionisti del settore per la tutela della salute e del territorio. Non hanno prodotto risultati gli atti Istituzionali, compreso il Consiglio Comunale di Pomezia che già ad ottobre scorso, all’unanimità, ha chiesto alla Regione di non procedere ad alcuna autorizzazione, neanche preventiva, in virtù di tutte le criticità relative all’impianto Biogas;
Chiediamo a tutti i Consigli Comunali limitrofi di prendere posizioni forti in merito, contro un’opera estremamente dannosa ed inutile.
Siamo pronti a condividere ulteriori percorsi Istituzionali per convincere la Regione a non autorizzare tale scempio e ci opporremo con tutte le forze a qualsiasi intenzione di devastare il nostro territorio.

cogea1

cogea2

VN:F [1.9.22_1171]
Vota questo articolo
Valutazione: 5.0/5 (1 voto espressi)
ANCORA UNA VOLTA POMEZIA DICE NO ALL'IMPIANTO BIOGAS DELLA CO.GEA., 5.0 out of 5 based on 1 rating
Share →

One Response to ANCORA UNA VOLTA POMEZIA DICE NO ALL’IMPIANTO BIOGAS DELLA CO.GEA.

  1. federico scrive:

    Bisogna capire che anche i comunisti devono mangiare e in regione c’è tanto bisogno.
    Ma mi chiedo: il Comune e la sua voce non valgono nulla ?
    Parliamo, allora, di una insurrezione popolare spiegando anche la natura e l’ampiezza degli interessi regionali.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Valutazione: 0.0/5 (0 voti espressi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *