Anche la sicurezza ha bisogno di partecipazione. Non sempre le misure coercitive riescono ad arginare fenomeni di microcriminalità come i furti. Spesso attraverso la prevenzione si ottengono i migliori risultati.
Questo progetto si fonda sul concetto di buon vicinato. I cittadini fanno rete, attraverso l’organizzazione e il metodo si relazionano tra di loro e con le Forze dell’Ordine, diventano occhi attenti puntati sul territorio e il primo deterrente volto a scoraggiare attività criminali. Il progetto, già attivo in vari Comuni d’Italia, ha portato ad una sensibile diminuzione dei reati predatori, come i furti in appartamento, furti d’auto e di altra natura, come le truffe agli anziani e lo spaccio di stupefacenti.
Nessuna ronda o similari. Tutti possono partecipare alla prevenzione durante le normali azioni quotidiane, aumentando la consapevolezza di far parte di una Comunità, parlando un po’ di più tra vicini e stimolando il principio di aggregazione urbana. Come sempre, anche tu puoi fare la tua parte.

Il giorno sabato 13 settembre dalle ore 14.30  in Via Singen 32 (sotto i portici davanti i campi sportivi) presenteremo il progetto. Se trova condivisione, successivamente sarà avviato tramite l’Amministrazione Comunale.

sicurezza comunità

VN:F [1.9.22_1171]
Vota questo articolo
Valutazione: 4.7/5 (13 voti espressi)
Progetto prevenzione furti , 4.7 out of 5 based on 13 ratings
Share →

6 Responses to Progetto prevenzione furti

  1. Concetto di essenzialita’per il vivere civile. Sono comunque assai scettico possa attecchire. Vige il puro egoismo. Non esiste piu’ il sentimento di di reciproca conoscenza dell”altro in quanto persona , non c’e’ la necessita’purtroppo di comunita’. Chi scrive ha subito sulla propria pelle, tutte queste assenze relazionali; un furto ai miei danni, mi ha colpito durissimamente. Lodevole il proponimento di una visione della vita migliore. Resto profondamente scettico. Voi non mollate. Ciao Fausto

    VA:F [1.9.22_1171]
    Valutazione: 4.0/5 (1 voto espressi)
  2. ubaldo cicconi scrive:

    Buona sera, mi sembra una buona iniziativa e mi ricorda molto le città tedesche dove i cittadini informano e chiedono informazioni alla polizia in ogni ora del giorno e della notte. Noi italiani residenti in Germania, spesso pizzicati in fallo e tempestivamente visitati a casa, convocati o contatati dalla polizia, anche in tempo reale, tacciavano buoni cittadini tedeschi come “infami”. A Pomezia e Torvaianica una iniziativa del genere è importante anche per rompere, tra l’altro, forme di omertà che ho rilevato in diverse circostanze. La situazione sulla litoranea è di degrado per il traffico ad alta velocità nella notte, senza alcun autovelox che accerti le effettive velocità, per i continui furti con scasso nelle abitazioni ed auto. Tutto alla faccia degli sprechi di denaro pubblico: dopo aver costruito una strada a quattro corsie a 100 metri e parallela alla litoranea da Ardea fino al centro di Torvaianica è inutilizzata per la mancanza di due semplici ponti del costo (già sostenuto) di un centesimo dell’intera opera stradale incompiuta: forse perchè “Carbonetti” non vuole. Basta fare i due ponti e mettere il limite a 30 KM ora e qualche dosso artificiale e vedremo diventare una zona additata come squallida in zona tranquilla, residenziale, e ricercata come potrebbe essere la costa azzurra. Ascoltate i vecchi gente che hanno fatto la storia di questo paese e non un movimento che se non si muove con con idee nuove e rivoluzionarie avrà un avvenire di un “fuoco di paglia”. Non è sufficiente dire che i 5 stelle sono onesti per mantenere il consenso: debbono cambiare le cose, gli equilibri con l’ingenuità degli innocenti. Fatti salvi i diritti, smantellare i privilegi e le ruberie che hanno caratterizzato le politiche di Pomezia. Gli onesti siamo la maggioranza e, nonostante le ambizioni di ognuno, i furbi sono una infima minoranza e quasi nessuno riuscirebbe a realizzare i propri propositi se non hanno la compiacenza o un’amministrazione comunale che chiude un occhio. E’ risaputo che fare le cose giuste ed eque da ogni punto di vista tutti sono capaci, invece per fare carognate e lauti profitti in barba del popolino bisogna essere dei fini politici (traduco: dei farabutti intrallazzati con ogni forma di potere dove si regala 100 per rubare mille).In bocca al lupo. Ubaldo

    VA:F [1.9.22_1171]
    Valutazione: 5.0/5 (3 voti espressi)
  3. Stefano scrive:

    Purtroppo non potrò partecipare per impegni già presi ma sono con voi e vi esorto a continuare così .
    siete l’unica speranza di questo paese .

    grazie

    VA:F [1.9.22_1171]
    Valutazione: 0.0/5 (0 voti espressi)
  4. Franco Mondazzi scrive:

    Iniziativa utile e interessante, che condivido. Se posso vorrei aderire, però non potrò essere presente al primo incontro e chiedo di essere avvisato per il prossimo. Grazie

    VN:F [1.9.22_1171]
    Valutazione: 0.0/5 (0 voti espressi)
  5. romolo politi scrive:

    gia’ lo faccio da tantissimo tempo mi allerto se i vicini sono fuori e cosi fanno loro sensibilizzo tutti a tenere i portoni e le porte di accesso al palazzo chiuse e anche x la strada a distinguere facce non conosciute eo sospette .
    in poche parole la nostra filosofia uno vale uno ,sarebbe vincente se soltanto la gente cominciasse a capire,invece di lamentarsi .
    un saluto a tutti voi romolo Torvajanica

    VA:F [1.9.22_1171]
    Valutazione: 0.0/5 (0 voti espressi)
  6. Alessandro scrive:

    Peccato che Ubaldo abbia iniziato bene e finito per criticare, gratuitamente, gli sforzi del movimento per una iniziativa che dovrebbe farci assomigliare un po’ di più al popolo tedesco col quale lui adesso sembra convivere. Se gli sforzi del Movimento non avranno seguito sarà proprio perché i cittadini italiani non hanno voglia di cambiare, plagiati da una classe politica e dirigente che è il riflesso autentico del popolo, con tutti i suoi peggiori riflessi.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Valutazione: 2.0/5 (1 voto espressi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *