Il nostro territorio sorge nei pressi del cosiddetto “vulcano laziale” e fa parte dell’agro romano. La conoscenza e consapevolezza delle caratteristiche dei nostri luoghi permette innanzitutto di apprezzarlo e rispettarlo, proteggendosi da alcuni fenomeni naturali peculiari.
E’ nota la presenza di gas radon, oltre ad altri gas endogeni, che infiltrandosi nelle nostre abitazioni possono arrecare danno alla salute anche con una certa rilevanza.
Ieri in Commissioni Urbanistica, recependo leggi in materia ed indicazioni del I.S.S., abbiamo presentato la nostra proposta (predisposta dal Gruppo di Lavoro al quale hanno partecipato professionisti del settore, cittadini, consiglieri, assessori) per attivare una seria prevenzione di questi fenomeni.
Aggiungeremo nel regolamento edilizio una norma che obbliga ad effettuare una indagine geologica preventiva atta a rilevare l’eventuale presenza di tali gas e progettare l’opera di conseguenza al fine di assicurare la salubrità degli ambienti.
Ma non ci limitiamo a questo. A breve partirà una campagna informativa per la cittadinanza e per specifici soggetti (enti/professionisti/medici/istituti scolastici etc.) affinchè si prenda coscienza collettiva ed informata del fenomeno radon. Come diciamo da sempre, ognuno deve fare la propria parte, spesso adottando semplici e basilari principi di precauzione o/e controllando, con una spesa talora molto contenuta, la situazione della propria abitazione.
Inoltre avvieremo una serie di controlli in alcune strutture pubbliche misurando l’eventuale presenza di tale gas e promuovendo azioni anche in quelle private. Non a caso anni fa, seppur in opposizione abbiamo costretto l’Amministrazione a controllare alcuni plessi scolastici in zone definite più a rischio radon. Risultò che un plesso era contaminato. La scuola fu chiusa per un periodo per adottare alcuni accorgimenti, tra l’altro poco invasivi, che hanno permesso di restituire a docenti ed alunni un ambiente salubre rispetto tali fenomeni.
E’ da sottolineare che tali peculiarità ambientali sono caratteristiche non solo del nostro territorio, ma coinvolgono una larga parte del Lazio. Per tale motivo, parallelamente alla nostra azione a Pomezia, in Regione Lazio il M5S sta sollecitando l’Istituzione a compiere alcuni passi che tra l’altro la legge regionale già impone, al fine della prevenzione e monitoraggio di tali fenomeni.

Abbiamo promesso di occuparci del nostro territorio, “un centimetro” alla volta, con pazienza e con l’aiuto di tutti coloro che vogliono contribuire, al fine di raggiungere traguardi importanti come quello presentato ieri.

Gruppo di lavoro Urbanistica M5S Pomezia

Comunicato Info Radon (2)

VN:F [1.9.22_1171]
Vota questo articolo
Valutazione: 4.0/5 (4 voti espressi)
Prevenzione a Pomezia, 4.0 out of 5 based on 4 ratings
Share →

One Response to Prevenzione a Pomezia

  1. vincenzo scrive:

    E’ importante che TUTTI gli iscritti al M5Stelle facciano qualcosa per collaborare.
    Sono disponibile a partecipare.
    Buon Lavoro
    Vincenzo

    VA:F [1.9.22_1171]
    Valutazione: 0.0/5 (0 voti espressi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *