Video. Prima parte

Video. Seconda parte

Lunedì 29 luglio si è tenuto il Consiglio Comunale con sei punti all’odg.

1. Mozione presentata dal consigliere comunale Omero Schiumarini prot. 57968 del 05/07/2013 avente per oggetto: Apertura cimitero;

Come abbiamo già spiegato, il Sindaco ha dovuto prendere atto della situazione che si è venuta a creare ed ordinare la temporanea modifica dell’orario della apertura del cimitero, a causa della mancanza di personale a causa di precise scelte della Amministrazione De Fusco che ha eliminato 3 posti di custode, con il successivo trasferimento (chiesto da oltre 2 anni) di altri due 2 dipendenti.

Venendo alla risoluzione del problema, capiamo invece benissimo la delusione ed il disagio dei cittadini, di Pomezia e non, che hanno visto variato l’orario di apertura. Per tale motivo il Sindaco, oltre a non poter che prendere atto della situazione e provvedere di conseguenza con una misura specificatamente temporanea, aveva già dato mandato ai Dirigenti preposti di riorganizzare il personale per garantire la normale apertura del cimitero dal primo settembre.

La giunta ha già provveduto per quanto in suo potere, dunque il voto del M5S è stato contrario all’unanimità

2. Mozione presentata dal consigliere comunale Omero Schiumarini prot. 58800 del 09/07/2013 avente per oggetto: Delibera di Giunta Comunale n. 126 del 24/06/2013.

Partendo da una breve rappresentazione della situazione debitoria attuale (ben rappresentata dalle 189 pagine di elenchi di fatture non pagate, per decine e decine di milioni di euro), abbiamo specificato che la
delibera del Commissario Prefettizio inizialmente risolveva quasi totalmente la situazione di due soli creditori, lasciando centinaia e centinaia di piccoli e medie imprese, cooperative, associazioni, liberi professionisti a rischio chiusura o al meglio sopravvivere licenziando, vista anche ormai la prossima fine della cassa integrazione in deroga.
Al contrario con la delibera n. 126 è stato finalmente istituito un percorso trasparente, equo e puntuale, con l’effetto di pagare in quota parte ben 732 creditori e con l’intento di far ripartire, per quanto possibile, la debole e ormai allo stremo economia del nostro territorio. Altresì con la chiara volontà di aprire un tavolo negoziale e di confronto con i creditori che non sono stati soddisfatti per intero nella prima fase di accredito, attraverso l’istituto della transazione, al fine di concordare un piano di rientro delle posizioni creditorie residue, senza escludere alcuna possibilità.

Il voto del M5S è stato contrario all’unanimità

3. Criteri ed indirizzi per la nomina dei membri nei consigli di amministrazione delle
partecipate

Il punto all’odg è stato ritirato dalla minoranza che non aveva presentato alcun atto, non permettendo la votazione indispensabile per nominare successivamente i membri nei consigli di amministrazione del Consorzio per L’Università di Pomezia e Pomezia Servizi Spa.
Il M5S al contrario ha presentato nei termini di regolamento la proposta secondo i principi della onesta e legalità e criteri dettati dalla legge. Il ritiro del punto non ha permesso la votazione ed è dunque rimandato il tutto al prossimo consiglio comunale

4. Revoca deliberazione n. 20 del 06/06/2013 ad oggetto: transazione delle controversie
insorte tra il comune di Pomezia, il fallimento immobiliare Pettirosso 81 srl gli aventi
causa degli immobili ricompresi degli edifici A1 e A2 di via De Gasperi nn. 2,4 e 6
nonché i terzi chiamati in causa;

Sappiamo tutti la cronistoria che contraddistingue questo contenzioso, ed è interesse di tutte le parti coinvolte fissare un processo di transazione, in modo da porre fine alla situazione di disagio che stanno vivendo i vari residenti delle abitazioni in oggetto, così da dare nuova speranza ai cittadini oramai esausti dagli avvenimenti.

Sabato scorso l’amministrazione, a tal proposito, in un incontro pubblico si è confrontata con i cittadini coinvolti nella vicenda. E’ stato un momento molto apprezzato da entrambe le parti, sia perchè le amministrazioni precedenti non avevano mai dato modo ai cittadini di esprimersi in un pubblico confronto, sia perchè l’attuale amministrazione ha voluto coinvolgere la cittadinanza nelle scelte che si stanno palesando, con l’intento di definire velocemente e definitivamente la questione.

Nell’incontro è stata esposta la posizione dell’amministrazione sulla vicenda, analizzando l’ultima delibera emanata dal commissario prefettizio, che attualmente è, ad oggi, un punto di partenza per risolvere il contenzioso in maniera congrua per termini di legge e meno onerosa in termini di tempo ed economici per entrambe le parti. I cittadini hanno lasciato al Sindaco una loro proposta che sarà discussa in un prossimo incontro.

Vista tutti i pregressi della vicenda, vista la presentazione della mozione in aula da parte dell’opposizione che ne ha rappresentato una parte, abbiamo chiesto di ritirare il punto all’odg. per valutare nella sua completezza la situazione in Commissione con parte tecnici e esprimere un parere con la completezza di informazioni. Il punto non è stato ritirato. E’ stato dato voto contrario all’unanimità dal M5S.

5. Pianificazione Territorio (piani integrati, borgate di recupero e piani particolareggiati
ecc);

Buona parte dell’opposizione ha rappresentato una panoramica di molte vicende urbanistiche del territorio, con una cronistoria ognuno per ciò che ricordava. La mozione, presentata dall’opposizione, è stata praticamente spiegata da un solo consigliere.
L’imbarazzante descrizione del punto all’odg, con un “ecc” che implicava tutto e niente in campo urbanistico e la volontà di acquisire maggiori informazioni sulla specifica proposta presentata che impegnava il Consiglio in scelte precise ed il Sindaco in tempi certi, hanno determinato la nostra richiesta di ritirare il punto all’odg. per portalo nell’apposita Commissione.
Non è stato accordato ed è stato dato voto contrario all’unanimità dal M5S.

6. Revoca deliberazione n. 22 del 10/06/2013, del SubCommissario Straordinario ad
oggetto: delibera di indirizzo per definizione in via transattiva dei giudizi pendenti a
saldo e tacitazione definitiva di ogni pretesa della Innova S.p.A..

Il Segretario Generale ha dato parere negativo alla richiesta di revoca, che non deve essere votata dal Consiglio perché già revocata con delibera di Giunta. Il punto è stato dunque ritirato

——-
Giovedì 1 Agosto, a partire dalle 9, in Aula Consiliare saranno riunite tutte le Commissioni per la nomina dei Presidenti e Vicepresidenti. Le Commissioni sono aperte al pubblico.

VN:F [1.9.22_1171]
Vota questo articolo
Valutazione: 3.5/5 (11 voti espressi)
consiglio comunale 29.07.13, 3.5 out of 5 based on 11 ratings
Share →

One Response to consiglio comunale 29.07.13

  1. Dario scrive:

    Sarà la stanchezza, il caldo… Ma mi sembra che anche questo sia politichese stretto. Mi fate un riassunto in 2 parole di quali problemi sono stati affrontati e quali soluzioni sono state proposte? Una decisione è stata presa? 🙂

    VA:F [1.9.22_1171]
    Valutazione: 5.0/5 (1 voto espressi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *