Il Consiglio Comunale odierno non ha fatto altro che confermare quello a cui ormai assistevamo da mesi: una maggioranza composta da partiti litigiosi come Partito Democratico, Italia dei Valori, Partito Socialista Italiano e Forza Pomezia che si è sgretolata dopo l’ennesima spaccatura interna.

Il risultato? Il Sindaco, che in Consiglio aveva annunciato per domani la presentazione delle sue dimissioni, sembra le abbia addirittura anticipate ad oggi. In diverse occasioni abbiamo denunciato l’inutilità delle coalizioni di partiti messe insieme esclusivamente per opportunità elettorale e le dimissioni odierne ne sono la conferma. La coalizione che avrebbe dovuto governare la città è rimasta troppo spesso impantanata in beghe interne che hanno tenuto la città bloccata ai suoi problemi aggravando la già difficile situazione in cui siamo costretti a vivere.

Ora bisognerà attendere i canonici venti giorni sperando che il Sindaco non ci ripensi, visto che questa delle dimissioni sembra l’unica buona azione di questa sua seconda amministrazione.

Ma veniamo ai contenuti del consiglio comunale. Nella seduta odierna si è discussa la delibera di decadenza del consigliere Valter Valle (Forza Pomezia) per ingiustificato astensionismo. La seduta si è aperta subito con una “sorpresa”: il Presidente del Consiglio Ruffini (Forza Pomezia) ha ordinato che si svolgesse a porte chiuse perché, a suo dire, trattava di fatti relativi alla sfera privata di una persona. Abbiamo tentato la nostra opposizione intervenendo in Consiglio e chiedendo di proseguire con la seduta aperta al pubblico, visto che l’oggetto in discussione era l’operato di un consigliere comunale nello svolgimento delle sue funzioni di pubblico amministratore e non c’era alcun motivo che intaccasse la sua privacy. Ruffini tuttavia non ha sentito ragioni ed ha proseguito facendo allontanare il pubblico dall’aula.

La nostra posizione sull’argomento è nota da tempo. E’ dall’insediamento del Consiglio Comunale che chiediamo rispetto verso i cittadini sollecitando da parte dei consiglieri comunali un comportamento impeccabile di fronte alla responsabilità istituzionale che il ruolo gli affida. Fatti come le reiterate assenze, alzarsi di continuo ed uscire dall’aula, parlare al telefono, non seguire le discussioni, non sapere cosa si sta votando, fumare, votare dallo spazio riservato al pubblico, entrare di corsa solo al suono della campanella, evidenziano disinteresse verso l’istituzione che si sta rappresentando e denota mancanza di rispetto nei confronti dei cittadini che invece meriterebbero amministratori onesti, seri, devoti alla città, che affrontino i problemi di Pomezia nelle sedi istituzionalmente dedicate.

Nonostante la votazione sia avvenuta a scrutinio segreto, non ho nessun problema ad annunciare il mio voto FAVOREVOLE alla decadenza di Valle da Consigliere Comunale. In consiglio comunale ho comunque anticipato la presentazione di una mozione che retroattivamente induca una verifica delle assenze di tutti i consiglieri comunali in carica e porti alla presentazione di un provvedimento di decadenza per tutti quelli che non rispettano i requisiti espressi dallo Statuto della Città di Pomezia (sono consentite al massimo due assenze ingiustificate). Inoltre nella stessa mozione si chiederà di pubblicare online i tassi di presenza di tutti i consiglieri comunali alle sedute del Consiglio Comunale e delle Commissioni Consiliari per dare modo ai cittadini di valutare loro stessi l’assiduità degli amministratori cittadini. La legge, gli statuti ed i regolamenti devono essere applicati per tutti e non secondo convenienza.

Per la cronaca la delibera è stata respinta con 13 voti contrari, 8 favorevoli e 2 schede bianche. L’esito della votazione, a quanto pare, ha fatto scaturire le dimissioni del Sindaco che le ha annunciate al Consiglio Comunale.

VN:F [1.9.22_1171]
Vota questo articolo
Valutazione: 4.7/5 (23 voti espressi)
Valle resta, il Sindaco De Fusco lascia, 4.7 out of 5 based on 23 ratings
Tagged with →  
Share →

6 Responses to Valle resta, il Sindaco De Fusco lascia

  1. leonhart358 scrive:

    8 favorevoli pesano come un macigno ma quelle due schede bianche sono una condanna .
    di una cosa sicuro chiunque sia il prossimo sindaco sara più diligente e disposto a promuovere la collaborazione di tutti partiti per portare ad un cambiamento.
    Non esistono persone migliori di altre ma se il popolo fa pressione su le persone che le rappresentano queste sta sicuro che si comporteranno nel miglior modo possibile.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Valutazione: 0.0/5 (0 voti espressi)
    • lorenzo.sbizzera scrive:

      Su due cose non sono d’accordo:
      il vero cambiamento non potrà mai venire promuovendo la collaborazione tra partiti, bensì promuovendo la partecipazione effettiva dei cittadini alla vita politica.
      E poi esistono persone migliori di altre… oh, se esistono…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Valutazione: 4.7/5 (3 voti espressi)
  2. leonhart358 scrive:

    non intendevo una collaborazione ma più che altro un confronto di idee per arrivare ad una sola idea .
    e sicuramente la collaborazione dei cittadini alla vita politica sara un vero passo evolutivo nella politica italiana sin ora solo il movimento 5 stelle permette la massima partecipazione politica .
    però secondo me non esiste una persona che è umanamente migliore di un altra potrà avare più competenze in un campo potrà persino essere più intelligente ma non per questo e migliore di una persona che ha meno competenze in un campo oppure una persona mostra un quoziente intellettivo più alto allora questa persona è migliore .
    i politici a parte gli stipendi non hanno molte differenze da una persona normale anno un cuore due poloni dei sogni e delle ambizioni e anche loro sbagliano certo pero anno più responsabilità di una persona normale e sono loro che dovrebbero dare per primi il buon esempio ma resta il fatto che restano fatti di carne ed ossa e tutti possono sbagliare pero se esiste la democrazia uno sbaglio può essere corretto anche da un altra persona questo significa cooperare

    VN:F [1.9.22_1171]
    Valutazione: 1.0/5 (1 voto espressi)
  3. Cavaliere Nero scrive:

    Quello…(il Sindaco) non fa mai le cose a caso anche se c’ha la faccia da scemo è bello furbetto e secondo me , visto che ci sono le elezioni politiche e regionali ,starà puntando al bersaglio grosso lasciando la città dimettendosi lui senza essere sfiduciato .
    Rientrerà nel partito centrale a fare qualcosa di meno pesante che il sindaco ,ma beccandosi sempre 4000 E al mese per poi lanciarsi alla regione o da qualche altra parte. Il prossimo sarà forse mesturini e così via.
    Tutto infarcito con la spiegazione infarcita, che ciò è maturato perchè nel consiglio comunale non c’è democrazia e non si rispettano le leggi…
    E buongiorno se so svejati ora!!! da quel di che si sapeva

    VN:F [1.9.22_1171]
    Valutazione: 0.0/5 (0 voti espressi)
  4. Cavaliere Nero scrive:

    http://www.ilcorrieredellacitta.com/wp-content/uploads/2013/01/dimissioni.jpg

    VN:F [1.9.22_1171]
    Valutazione: 0.0/5 (0 voti espressi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Looking for something?

Use the form below to search the site:


Still not finding what you're looking for? Drop us a note so we can take care of it!