Questa mattina si è svolta la commissione ambiente in cui finalmente si è cominciato a discutere del nuovo capitolato del servizio di nettezza urbana. Dopo l’apertura della seduta, il dirigente del settore Ing. Curci ha esposto ai presenti i punti salienti della proposta tecnica da lui redatta: un modello di gestione basato sulla raccolta differenziata “spinta” (porta a porta) su tutto il territorio comunale. Il valore stimato delle prestazioni di servizi oggetto dell’appalto è stato indicato in € 13.200.000,00 (€ 12.000.000,00 per igiene urbana + € 1.200.000,00 per verde pubblico) (IVA esclusa). La spesa attuale per il solo servizio di nettezza urbana è invece di circa 8 milioni di euro annui.

E’ intervenuto poi l’assessore all’ambiente Toce che ha tenuto a precisare che la bozza di capitolato era frutto del lavoro esclusivo del dirigente. La sua proposta, invece, è di utilizzare la raccolta “porta a porta” nei soli quartieri residenziali e continuare con la raccolta multimateriale basata su cassonetti nei quartieri ad alta densità abitativa come il centro cittadino.

Evidentemente Toce, oltre ad ignorare il fallimento totale della raccolta multimateriale stradale, non tiene conto dell’indirizzo che il consiglio comunale ha espresso nella seduta del 19 giugno 2012 in cui, all’unanimità:

  • si è impegnato a promuovere pratiche di riduzione dei rifiuti e di riutilizzo degli oggetti, anche sostenendo campagne informative ai cittadini;
  • considera la raccolta differenziata, nella sua forma spinta come quella “porta a porta”, l’unico fondamentale strumento di recupero della materia che eviterebbe il ricorso al conferimento in discarica ed all’incenerimento dei rifiuti;

Mentre il dirigente ha motivato la sua scelta della “porta a porta totale” anche tenendo conto del vincolo di legge che impone di differenziare almeno il 65% dei rifiuti entro il 31/12/2012, l’assessore Toce sembra non curarsi di questo aspetto e pare voler continuare nel sistema di raccolta multimateriale che non cambierà di molto il ridicolo 8% di raccolta differenziata (dati della Provincia di Roma) che è in grado di raggiungere Pomezia. Il mancato raggiungimento degli obiettivi di legge, ormai certo, con molta probabilità farà scattare sanzioni per il comune che rischiano di ripercuotersi sulle bollette pagate dai cittadini.

In questi giorni analizzeremo la bozza di capitolato che ci è stata consegnata questa mattina e, coinvolgendo cittadini ed associazioni, elaboreremo eventuali proposte migliorative.

VN:F [1.9.22_1171]
Vota questo articolo
Valutazione: 4.8/5 (9 voti espressi)
In Commissione Ambiente torna lo spettro della raccolta multimateriale dei rifiuti., 4.8 out of 5 based on 9 ratings
Share →

2 Responses to In Commissione Ambiente torna lo spettro della raccolta multimateriale dei rifiuti.

  1. carpazio scrive:

    Visto i risultati del attuale sistema di raccolta, mi pare che la mia “fatica” personale di farla ( tengo per giorni in casa la plastica etc perché i cassonetti dopo un giorno sono pieni, me gli carico in macchina per poi lascarli dove trovo libero …) è inutile. Forse come me ci sono parecchi…Delusione totale. In più si prospetta un sistema che alla fine ci farà pagare il servizio di più. Ma la raccolta differenziata non dovrebbe diminuire i costi del servizio? I materiali ottenuti con la raccolta differenziate che fine fanno? Se non sarà messo in piedi un sistema chi incentivi le persone non vedo risultati , questa anche alla luce a quanto succede adesso.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Valutazione: 0.0/5 (0 voti espressi)
  2. leonhart358 scrive:

    io sono disponibile, a raccoglie l’immondizia porta a porta ,gratis dividendola e differenziala e visto che siamo un movimento tanto grande , non mi rimane difficile pesare che ci siano altri a dar vita a un grande atto di civiltà.
    dimostriamogli che noi siamo persone con grande umanità nel cuore e nello spirito , e che abbiamo veramente la volonta di apportare un cambiamento
    però vorrei che ogni quartiere non fosse trascurato, questo lavoro si può fare una volta alla settimana e magari potremmo chiedere alle famiglie di darci una piccola donazione, che ci permetta di continuare imperterriti anche un euro o due non importa, ma per me questa non è una occasione solo per raccogliere i rifiuti, ma anche per rincontrare e riunire la gente di quartiere, vicino con vicino a,iutandosi e rispettandosi l’un l’altro .
    e se questo è solo una utopia prendetemi anche per pazzo

    VN:F [1.9.22_1171]
    Valutazione: 0.0/5 (0 voti espressi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Looking for something?

Use the form below to search the site:


Still not finding what you're looking for? Drop us a note so we can take care of it!