Ricevo e pubblico l’iniziativa degli amici di Albano:

Dopo la sentenza del consiglio di stato del marzo scorso Cerroni avrebbe avuto la possibilità di iniziare immediatamente la costruzione dell’inceneritore. A tutt’oggi il cantiere non c’è, il ras dei rifiuti è alla ricerca del credito per procedere all’opera. Più passano i giorni e più cresce il fabbisogno del grande industriale che nel frattempo si impegna a far terra bruciata attorno alle iniziative del coordinamento.

Accade che l’inceneritore di Malagrotta, gemello di quello di Albano, sia fermo dall’ottobre scorso, dice l’ing Zagaroli , uomo di Cerroni, che questa fermata serve per avviare la seconda e la terza linea, tutto potrebbe durare fino a due anni, però servirebbero 200 milioni. Dice COLARI (Cerroni) che per costruire ad Albano e magari fare l’impianto sostitutivo della discarica di Malagrotta con annessi servirebbero altri 450 milioni.

Cerroni ha chiesto questi soldi, 650 milioni, ai ministri e ai prefetti indicando gli erogatori: BEI E CDP. Ma già dal giugno 2009 aveva presentato al GSE (gestore sistema elettrico) la richiesta preliminare per l’accesso ai fondi CIP 6, per altro già scaduti dal 31-12-2008. Abbiamo fatto l’accesso agli atti al GSE, che ce li ha negati, perché la cosa violerebbe gli interessi di Cerroni. Querelato il GSE, intanto non abbiamo documenti che ci servono per ulteriori ricorsi.

L’ARPA ha accertato nel 2010 e nel 2011 l’inquinamento delle falde idriche sotto la discarica per una lunga serie di elementi dal benzene al cloroformio; con fatica abbiamo ottenuto dai Comuni una convenzione con l’IRSA CNR per una caratterizzazione dei luoghi (analisi ripetute delle acque di falda) in discarica e fuori. Ebbene, l’IRSA CNR nella persona del presidente dott. Pettine, si è rifiutato di accettare la commessa dei Comuni, si trattava tra l’altro di 60000 euro, sostenendo che altrimenti avrebbe danneggiato l’avv. Cerroni che già aveva incaricato il medesimo ente di analogo compito, nella speranza di evitare l’inevitabile: il riconoscimento dell’irreparabile danno ambientale e sanitario arrecato al nostro territorio e alle nostre persone. Sarà querelato anche Pettine, però bisogna ricominciare da capo con altro ente.

Abbiamo ottenuto dalla ASL una convenzione con il prof Paolesse, università di Tor Vergata, per una campagna di rilevamenti delle emissioni odorigene, in questi giorni il tanfo è insopportabile, utilizzando apparecchiature di autentica avanguardia. Come scontato, l’ing. Rando (CO.LA.RI.) ha inibito l’ingresso in discarica ai tecnici di Tor Vergata benchè incaricati e al seguito di funzionari ASL con funzione di p.g. La ASL RM H ha inviato il verbale di rito alla Procura della Repubblica di Velletri dove andrà a dormire insieme alle decine di nostri esposti e denunce. Naturalmente la Procura di cui sopra è molto sollecita nelle operazioncelle repressive contro i movimenti: 30 procedimenti per interruzione di pubblico servizio per il presidio del 3 febbraio scorso, 43 procedimenti per la manifestazione del 14 aprile, 1 arresto con processo in corso. Non fanno storia invece i tre fratturati tra i cittadini e il solito malcostume dei tutori dell’ordine che ottengono prognosi gonfiatissime da medici obbligatoriamente compiacenti…tanto paga Pantalone.

E’ ora di CACCIARE CERRONI E I SUOI CLIENTI DAL TERRITORIO DEI CASTELLI ROMANI

AL VILLAGGIO ARDEATINO FRONTE DISCARICA KM 25 VIA ARDEATINA CAMPEGGIO DISCUSSIONE E LOTTA.

3 agosto ore 18.00 assemblea aperta sullo stato del territorio, ore 20,30 cena sociale, 22.30 proiezione film CARTOON
4 agosto ore 18.00 assemblea su piani rifiuti regionale, 20,30 cena sociale, 22.30 musica popolare….
5 agosto ore 18.00 dibattito su 5 anni di lotta prospettive e proposte, 20.30 cena sociale, 22.30 concerto blues jazz.

COORDINAMENTO CONTRO L’INCENERITORE
www.noinceneritorealbano.it

VN:F [1.9.22_1171]
Vota questo articolo
Valutazione: 5.0/5 (5 voti espressi)
3° discamping contro discarica e inceneritore IL 3-4-5 Agosto al Villaggio Ardeatino, 5.0 out of 5 based on 5 ratings
Tagged with →  
Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *