Click per visualizzare il filmato

Siamo sotto attacco!

Non ci sono altre parole per descrivere la situazione che ci vede coinvolti come parte lesa. Circa un anno fa, poco prima del ballottaggio, qualcuno sparse per Pomezia centinaia di volantini dal contenuto diffamatorio riportanti l’indirizzo del nostro sito internet; a Gennaio in consiglio comunale sono stato oggetto di minacce di morte da parte del consigliere comunale dell’Italia dei VALORI Luigi Lupo.

E’ di pochi giorni fa l’ultimo “fattaccio”: qualche vigliacco ha ancora una volta utilizzato falsamente il nome del Movimento Cinque Stelle Pomezia per lanciare accuse ad alcuni esponenti politici di Pomezia. Questa volta si è trattato di una lettera protocollata alla Regione Lazio e depositata presso l’ufficio protocollo del Comune di Pomezia stesso. Il contenuto di questa lettera non sarà diffuso per evitare di soddisfare gli intenti dei vigliacchi che l’hanno scritta: pubblicarla.

Per questo ennesimo atto ho già provveduto a presentare presso la locale stazione dei carabinieri una querela contro ignoti per il reato di “sostituzione di persona”. Speriamo che le indagini accertino le responsabilità ed individuino i colpevoli.

Stanno succedendo cose strane in questo periodo. Probabilmente dipende dagli ottimi risultati del M5S alle ultime elezioni amministrative ed alla crescita costante del Movimento Cinque Stelle.
Nell’ultimo consiglio comunale, il consigliere Barone (IDV) si è avvicinato a me esclamando “quasi quasi passo con i cinque stelle; anzi, alle prossime elezioni mi candido con i cinque stelle”. Ridicolo!
Una persona mi ha scritto su Facebook affermando che il M5S sarebbe simile a Forza Italia nella discesa in campo di Berlusconi. Farneticazioni!
Un altro ancora mi ha scritto dicendo di volermi parlare di “un progetto politico”. Ma cos’è un progetto politico?! Noi parliamo di idee e su quelle ci confrontiamo con i cittadini.

Ora più che mai i cittadini onesti, la rete, non ci lascino soli!

Ribadisco due concetti:

  1. nessun consigliere comunale eletto con altra forza politica potrà passare nel gruppo consiliare del Movimento Cinque Stelle (se ci fosse qualcuno che va in giro a dirlo prendetelo per pazzo e segnalatelo a noi);
  2. ogni comunicato, nota ufficiale, posizione ufficiale che riguarda il Movimento Cinque Stelle Pomezia esce ESCLUSIVAMENTE per bocca, a firma ed a nome del suo portavoce consigliere comunale Fabio Fucci.
VN:F [1.9.22_1171]
Vota questo articolo
Valutazione: 4.5/5 (31 voti espressi)
Siamo sotto attacco!, 4.5 out of 5 based on 31 ratings
Tagged with →  
Share →

28 Responses to Siamo sotto attacco!

  1. claudia scrive:

    Ma che gente povera!!!! fabio certo che ora che vedono l’ascesa del Movimento pendono tutti da questa parte….una grossa risata glie l’hai fatta in faccia a Barone?? Ci vediamo Venerdì!!

    VA:F [1.9.22_1171]
    Valutazione: 0.0/5 (0 voti espressi)
    • Fabio Fucci scrive:

      Certo che gliel’ho fatta! Sono scoppiato a ridergli in faccia.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Valutazione: 5.0/5 (1 voto espressi)
  2. claudia scrive:

    Eh ma vedrai che mica l’ha capito! Ahahahah..fregatene..vai avanti con il tuo lavoro..lo stai facendo bene, il vento sta cambiando…mi piacerebbe che anche a Pomezia si potesse avere un sindaco a 5 stelle! 😉
    Buon lavoro

    VA:F [1.9.22_1171]
    Valutazione: 1.0/5 (1 voto espressi)
  3. odilla scrive:

    C’è chi pensa che il movimento a 5 stelle farà la fine della Lega, io voglio credere che non sarà così perchè i pricipi di questo movimento sono diversi e solo cambiando radicalmente le regole di base che potremo sovvertire questo tipo di politica, quindi ,avanti così ……..

    VA:F [1.9.22_1171]
    Valutazione: 1.0/5 (1 voto espressi)
  4. Anselmo Falbo scrive:

    Se restiamo uniti sarà difficile eliminarci.Roma è sempre pronta a dare una mano.
    Un saluti a tutti Anselmo

    VA:F [1.9.22_1171]
    Valutazione: 5.0/5 (2 voti espressi)
  5. Barbara scrive:

    E’ ovvio…., ora tutti vogliono salire sul carro…

    VA:F [1.9.22_1171]
    Valutazione: 0.0/5 (0 voti espressi)
  6. LIDIA scrive:

    Queste situazioni.. sopratutto per il futuro.. sono pericolose.. perchè in tanti vorranno entrare nel “partito” più forte.. o cmq quello più ben voluto..
    e come serpi in seno.. uccideranno o ammaleranno..
    quindi.. bisogna veramente fare le lastre a chi vuole entrare in movimento5stelle.
    Niente serpi (tranne quelle vere nei boschi XD ).
    Um Abbraccio a tutti.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Valutazione: 0.0/5 (0 voti espressi)
  7. alessandra scrive:

    Se restiamo uniti, nesuno potrà distruggere “il castello dall’interno”. Tieni duro Fabio, x quanto mi riguarda intrattengo dialoghi con chi non ci conosce e provo a confutare le idee errate che hanno su di noi, ribadendo i nostri principi guida. E’ importante non cadere in certi tranelli, ed io ci metto la mia faccia in prima persona. Grazie x il tuo lavoro e x il tuo coraggio. Con stima.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Valutazione: 0.0/5 (0 voti espressi)
  8. alessandro scrive:

    bravo fabio avanti così, siamo tutti con te!

    VA:F [1.9.22_1171]
    Valutazione: 0.0/5 (0 voti espressi)
  9. Andrea Rossi scrive:

    Guardo con interesse ed attenzione il M5S di Grillo e conosco e stimo persone perbene e serie vicine al movimento in Pomezia.
    Non ritengo tuttavia edificante parafrasare con parole come ridicolo o altro il Dott. Nicolo’ Barone che non solo e’ uno stimato medico, ma anche una persona corretta e per bene prestata alla politica e non certo un politico di professione.
    I migliori auguri per le vostre iniziative,
    Saluti,
    Andrea Rossi.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Valutazione: 0.0/5 (0 voti espressi)
    • Fabio Fucci scrive:

      Caro Andrea,
      la tua valutazione sulle persone perde di VALORE viste le compagnie che frequenti.
      Ti vedo spesso con Luigi Lupo, altro consigliere comunale dell’Italia dei VALORI che in consiglio comunale mi ha minacciato di morte.
      A mio parere hai un criterio di valutazione sulle persone quantomeno discutibile e per questo ogni tua valutazione perde di credibilità.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Valutazione: 5.0/5 (5 voti espressi)
      • Andrea Rossi scrive:

        Gentile Fabio,
        Luigi Lupo e’ amico della mia famiglia sin da giovanissimo e posso senz’altro dire che sia con me che con i miei familiari non ha mai dato segni di intemperanza, al contrario e’ sempre stato un buon amico leale e corretto.
        Non voglio scadere in valutazioni personali su questo o quell’altro pubblico personaggio della nostra concittadina, il mio intervento voleva solo essere costruttivo e di simpatia per il movimento.
        A mio avviso il confronto e’ sempre utile e mai nessuno di noi, ovviamente neanche io, può essere portatore di verità assoluta, ma solo di interpretazioni ed esperienze di parte.
        I migliori saluti,
        Andrea Rossi.

        VA:F [1.9.22_1171]
        Valutazione: 0.0/5 (0 voti espressi)
    • Stefano Alunno Mancini scrive:

      Nessuno è esente dal rendersi ridicolo, qualsiasi sia lo status sociale, e Barone lo ha dimostrato. Si può essere corretti rispetto a molete cose…

      VN:F [1.9.22_1171]
      Valutazione: 0.0/5 (0 voti espressi)
    • Giuseppe Raspa scrive:

      “prestata alla politica e non certo un politico di professione”. E’ vero. Barone si è “presta” molto bene a salire sul primo carro dei vincitori.
      Riguardo le nostre numerose iniziative e proposte, ricordo che abbiamo, tra i primi punti, lo stop al consumo del territorio. Sono lieto che il Sig. Rossi ci auguri successo anche per tale iniziativa.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Valutazione: 5.0/5 (4 voti espressi)
      • Andrea Rossi scrive:

        Gentile Sig.Raspa,
        in merito allo stop al consumo del territorio sperona breve, come annunciato anche dal governo Monti, ad una revisione della legge urbanistica nazionale risalente al lontano 1942 (L.1150/1942).
        La nuova legge quadro in materia urbanistica, almeno stando agli annunci di stampa, dovrebbe essere finalizzata, come perarltro auspico, alla tutela delle aree libere concentrando la nuova edificazione mediante sostituzione edilizia e riconversione dei siti dismessin e non certo mediante consumo di ulteriore territorio.
        Io sono un operatore del settore edile e questo significa per me vivere del proprio lavoro nel rispetto delle vigenti norme in materia.
        I migliori auguri anche a Lei che so essere un attivista energico del movimento.
        Saluti,
        Andrea Rossi.

        VA:F [1.9.22_1171]
        Valutazione: 0.0/5 (0 voti espressi)
        • Giuseppe Raspa scrive:

          Non mi serve una legge statale per verificare che, nel nostro territorio, si è e si sta costruendo su aree libere in barba ad ogni minima logica, e non solo ambientale. Pertanto l’assioma rispetto del territorio-rispetto delle leggi lo lascio volentieri a Lei.
          Saluti
          Giuseppe Raspa

          VN:F [1.9.22_1171]
          Valutazione: 5.0/5 (1 voto espressi)
          • Andrea Rossi scrive:

            Gentile Sig.Raspa,
            noi tutti viviamo nel paese Italia e pur condividendo l’idea ed il progetto che molte cose debbano essere cambiate, anche grazie alla partecipazione attiva, e’ alle vigenti leggi e regolamenti che ognuno di noi deve attenersi nella vita sociale ed economica di tutti i giorni.
            Riterrei utile non una semplice “protesta” ma piuttosto una proposta del movimento in materia di pianificazione territoriale, oltre ovviamente ad un attenta vigilanza sugli interventi in corso, di cui il
            Movimento, per quanto a mia conoscenza, sembra carente.
            Non voglio in alcun modo polemizzare o discutere di fattispecie particolari, piuttosto di pianificazione generale del territorio e, per quanto mi riguarda, le mie tanto discusse iniziative in materia urbanistica sono il frutto di contenziosi giurisdizionali durati anni e terminati con numerose sentenze di condanna dell’Ente Comunale.
            In altri casi, che non mi riguardano, lo stesso Ente Comunale e’ stato sin troppo celere nel rilasciare autorizzazioni e permessi di costruzione tant’è vero che i recenti fatti di cronaca testimoniano, ancora una volta, una intensa attività della Procura di Velletri sul nostro territorio per aspetti urbanistici-edilizi.
            Sempre i migliori auguri,
            Cordialità,
            Andrea Rossi.

            VA:F [1.9.22_1171]
            Valutazione: 3.0/5 (2 voti espressi)
          • Fabio Fucci scrive:

            Parliamo di pianificazione generale.

            Il costruttore Rossi saprà meglio di noi che a Pomezia ci sono centinaia di appartamenti sfitti.
            Non c’è bisogno di interpellare un premio nobel per capire che NON si deve devastare ulteriormente il territorio se non ce n’è la necessità. NO, a Pomezia non c’è proprio necessità di ulteriore CEMENTIFICAZIONE; il territorio è già stato pesantemente compromesso.
            C’è bisogno di spazi di aggregazione per i cittadini, spazi che consentano di vivere la città in armonia con il territorio e le persone. Esempi? Giardini, parchi, piste ciclabili, spazi culturali. Altro che edilizia privata!

            Putroppo, però, come abbiamo più volte denunciato, in Consiglio Comunale c’è una maggioranza trasversale che è quella del Partito del Cemento. A questa aderiscono anche partiti che si professano portatori di VALORI. Infatti, in occasione dalla variante al piano particolareggiato di Pomezia centro, ha votato a favore di questo anche il tuo amico di famiglia Luigi Lupo (IDV).

            La proposta? Ce l’abbiamo da tempo ed è stata condivisa con i cittadini ed inserita nel nostro programma elettorale. Se sei interessato la trovi qui.

            VN:F [1.9.22_1171]
            Valutazione: 3.7/5 (3 voti espressi)
          • Stefano Alunno Mancini scrive:

            Sono tornato proprio ieri dalla Calabria vicino Vibo V.
            Li la grande speculazione edilizia ha creato un black-out. Il 90% delle costruzioni non sono finite o comunque vuote. Questo ha portato il comune a finanziare un iniziativa per agevolare la vendita di queste case e tentare un ritorno al decoro. Dobbiamo arrivare a quel punto anche noi?

            P.S. I proprietari delle case le vendono a cifre bassissime dai 5.000€ ai 30.000 € perché non riescono a mantenerle.

            VN:F [1.9.22_1171]
            Valutazione: 0.0/5 (0 voti espressi)
  10. Renzo scrive:

    Torno a ripetere che in ogni parte politica esistono brave e serie persone. Pomezia è un fazzoletto e certe persone ormai, hanno dimostrato negli anni il loro attaccamento alla poltrona cambiando di volta in volta colore della bandiera. Il Dott. Barone fiuta e cerca una sponda? Per fortuna le regole del MoVimento non permettono il travaso da un partito….. Auguri!!

    VN:F [1.9.22_1171]
    Valutazione: 0.0/5 (0 voti espressi)
  11. Renzo scrive:

    Caro Andrea, che ci segui e ci voterai…non hai alternative!!..vivi del tuo lavoro che,correggimi, consiste nell’acquistare terreni (al giusto prezzo), ed avviare iniziative immobiliari, e comunque realizzare fabbricati.
    Mi auguro che nel futuro la tua attività possa svilupparsi notevolmente, nello spirito del M5S, riqualificando fabbricati esistenti,mettendo a norma gli edifici, realizzando impianti fotovoltaici su edifici pubblici ed industriali, migliorando il territorio…..

    Devi convenire che a Pomezia le abitazioni realizzate invendute, sfitte, e da costruire, sono esageratamente al di sopra delle necessità.

    Il M5S non detiene la VERITA’ assoluta, ma collaborando con TUTTI, ci possiamo avvicinare!!!!
    Un fiducioso saluto.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Valutazione: 5.0/5 (1 voto espressi)
  12. gerry.signorelli scrive:

    Ciao ormai come sapete vivo nella verde Austria. Qui pure fanno palazzi, un sacco, non ve lo immaginate. L´Austria non e´ solo belle casette col tetto a punta, rimarreste sorpresi venendo a Linz e vedendo alti palazzi sul lungofiume del Danubio.
    Il punto e´ che qui hanno fatto anche altro, tanto per fare un esempio, da Passavia in Germania fino a Vienna c´e´ una pista ciclabile con punti di ristoro, di ricarica per le bici elettriche, piccoli alberghi, ristoranti. Parliamo di circa 400 km di pista ciclabile completamente attrezzati. I costruttori italiani comincino a costruire anche i servizi di base e poi si potra´ riparlare di costruire nuove case, perche´ magari la gente non se ne andrebbe e le molte case sfitte potrebbero essere facilmente abitate se le pesone avessero un bel posto in cui stare. Che é´ diverso dal fare 4 palazzi, spesso brutti, e piantare due alberi alla rinfusa. Saluti dall´Austria

    VN:F [1.9.22_1171]
    Valutazione: 5.0/5 (2 voti espressi)
  13. andrea rossi scrive:

    Parliamo di pianificazione generale.
    Gentile Fabio,
    prima di introdurre il tema della pianificazione generale dobbiamo sgombrare il campo da personalismi di ogni genere.
    Ti avevo già scritto di non voler scadere in valutazioni di tipo personale su personaggi, più o meno pubblici, della nostra concittadina ma il tono del tuo commento, ed il continuo richiamo alle mie frequentazioni o amicizie, merita, in via preliminare, replica sul punto per poi andare alla disamina delle questioni di carattere generale che sicuramente più interessano ai cittadini.
    Pertanto, ti ribadisco di essere amico di famiglia da vecchia data di tutti e 3 i consiglieri comunali IDV (Barone, De Lorenzi, Lupo) che apprezzo e stimo personalmente e non posso certo consentire Tue personali valutazioni in merito alle mie frequentazioni anche perché, da parte mia, non ho mai commentato l’amicizia Tua e dei Tuoi familiari con il presidente del Consiglio Comunale Sig.Paolo Ruffini !!!
    Solo il tempo potrà dire chi di noi due sceglie meglio le proprie amicizie e frequentazioni !!!
    Per completezza di risposta né io né la mia famiglia abbiamo interesse alcuno, o proprietà immobiliari, nella variante al Piano Particolareggiato di Pomezia Centro che tu hai citato.
    ORA SE VUOI PARLIAMO DI PIANIFICAZIONE GENERALE E DI PROPOSTE SUL PUNTO.
    La proposta di blocco delle concessioni edilizie per gli edifici privati, può essere come in effetti è, solo uno slogan elettorale e ben lungi dal poter rappresentare una concreta proposta di stop al consumo indiscriminato di suolo libero.
    Bloccare, anche solo in via temporanea, il diritto ad edificare ai privati proprietari (anche piccoli proprietari di singoli lotti) è contro le vigenti leggi e normative in materia urbanistica (D.P.R. 380/2001 Testo Unico Edilizia) con la sola conseguenza da un lato di negare al privato l’edificazione sul lotto di terreno (già edificabile in virtù del P.R.G. vigente) e costringerlo ad adire la via giurisdizionale (TAR e CONSIGLIO DI STATO) per ritirare il permesso di costruire, e dall’altro lato creare contenzioso con l’ente Comunale che sarebbe gravato di ulteriori costi ed in molti casi commissariato in via di Giustizia tramite la nomina di un commissario ad-acta (esiste copiosa e consolidata giurisprudenza sul punto).
    Una concreta proposta urbanistica in materia di pianificazione territoriale può prendere spunto dall’intervento su questo blog di gerry.signorelli che ci parla di come si costruisce e si pianifica in Austria.
    Sono d’accordo con Te quando affermi che a Pomezia mancano i servizi per la collettività, spazi aggregativi, aree verdi e non certo ulteriori speculazioni edilizie. Basta guardare il Parco della Minerva per renderci conto che le opere di urbanizzazione, primaria e secondaria, sono incomplete mentre molti appartamenti sono già stati edificati e venduti da vari costruttori. Praticamente il costruttore ha già ottenuto i suoi benefici con la vendita degli appartamenti ma i privati cittadini non hanno ancora opere di urbanizzazione primaria (strade, fognature, pubblica illuminazione) completamente funzionante (in molti casi già degradata) e nenache le opere di urbanizzazione secondaria (aree verdi attrezzate, scuola, asilo, ecc. ecc.).
    Devi sapere che il DM. 1444/1968 fissa il limite minimo per gli standards urbanistici per la pianificazione territoriale (18 mq. di servizi ad abitante) ma non fissa il limite massimo di mq, che viene lasciato in via discrezionale all’ente Comunale in sede di pianificazione.
    Allora, amio avviso, una buona proposta che nel futuro possa evitare speculazioni edilizie e consumo indiscriminato di territorio (e creazione di quartieri privi dei servizi essenziali) potrebbe essere un delibera consiliare, condivisa con i sovraordinati enti Provincia di Roma e Regione Lazio, che in conformità alle vigenti norme in materia urbanistica dia i criteri di indirizzo per la “futura pianificazione territoriale” , ovvero il nuovo P.R.G. oggi denominato P.U.C.G., del nostro Comune.
    Questi criteri dovrebbero in via esemplificativa prevedere:
    1) 54 mq. di standards pubblico ad abitante (il triplo del minimo di legge 18 mq. che abitualmente viene ed è stato utilizzato dai Comuni in quasi tutta Italia – fatte salve eccezioni nel Nord Italia);
    2) Il rilascio dei permessi di costruire per l’edificazione privata solo dopo che siano state realizzate, completate e collaudate le opere di urbanizzazione primaria e secondaria, nonché siano stati pagati integralmente gli oneri concessori dovuti al Comune.
    In questo modo – comunque conforme alla legge – si potrà garantire che nel “futuro la nuova edilizia di Pomezia” avrà ampi spazi pubblici (il triplo di quelli che si hanno in altri Comuni) E SOLO DOPO CHE I CITTADINI avranno le opere pubbliche, compreso scuole, spazi di culto e giardini, il costruttore potrà edificare i fabbricati privati.
    Vedrai che se il Comune di Pomezia si doterà di criteri urbanistici così stringenti, ma comunque conformi alla legge, non sarà più un territorio per speculatori ma un territorio per costruttori che desiderano realizzare quartieri con una buona/ottima qualità della vita per i residenti, fermo restando il margine imprenditoriale di tali iniziative (anche in Austria i costruttori certamente guadagneranno ma come dice gerry.signorelli in Austria si vive meglio e con le opere pubbliche realizzate).
    Sempre aperto ad un confronto sereno e costruttivo privo di qualsivoglia polemica.
    I migliori Saluti,
    Andrea Rossi.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Valutazione: 0.0/5 (0 voti espressi)
    • Fabio Fucci scrive:

      Andiamo con ordine. Inizi il tuo intervento in questo blog avendo a che ridire con la parola “ridicolo” usata nel comunicato. E’ chiaramente ridicolo che un esponente eletto nell’IDV possa pensare di passare nel Movimento Cinque Stelle. Lo confermo! Non capisco come mai (legittimamente) ti senti in diritto di dissentire in merito alle mie affermazioni ed io non posso dissentire sulle tue valutazioni circa le persone che frequenti (con alcune delle quali ho avuto spiacevoli episodi). Mistero della democrazia secondo Andrea Rossi.

      Comunque, potremmo stare qui a parlare delle differenze tra le amicizie di lunga data che ti sei scelto e delle conoscenze che ho “acquisito” dai miei suoceri. Lo ammetto, i miei suoceri sono amici di Paolo Ruffini. Nel 1998, quando diciannovenne ho iniziato la mia relazione con Veronica (mia moglie) non ho pensato a chiederle se i suoi genitori conoscevano esponenti politici pometini. Vabbè, i cittadini mi perdoneranno per questo, ne sono certo.

      Riporti una serie di leggi che probabilmente daranno diritto a tutto quello che dici tu ma sicuramente non tengono conto della linea politica che un’amministrazione può dare. Ti riporto un passo preso dal sito http://www.stopalconsumoditerritorio.it (la rete, che strumento potente!):

      “Cassinetta di Lugagnano, in provincia di Milano, è il primo Comune in Italia ad aver approvato un piano regolatore che esclude la possibilità di edificare occupando nuove superfici. Il suo giovane sindaco, Domenico Finiguerra, consapevole che ogni anno in Italia si perde una quantità di suolo pari a 240.000 campi da calcio, ha dato il via al movimento Stop al consumo di territorio ed è riuscito a trasformare un piccolo e sconosciuto Comune in un concreto esempio di riferimento per l’intero Paese. A Cassinetta un’amministrazione intraprendente ha dimostrato di saper passare dal pensiero globale all’azione locale, non solo adottando misure innovatrici in campo ambientale, ma provando anche a immaginare modi nuovi, creativi ed efficaci per migliorare la vita della comunità, senza consumare risorse ma anzi preservandole per le generazioni future …”

      Quindi evitare di costruire ulteriormente si può eccome! Basta agire sul piano regolatore. E’ evidente quindi che ancora una volta tutto quello che dici perde di credibilità. Altro che aumentare gli standard ed aumentare gli spazi tra una palazzina e l’altra. Qui stiamo parlando di non costruire più! Tra l’altro, hai evitato di commentare sull’affermazione che a Pomezia ci sono centinaia di appartementi sfitti che non giustificherebbero il ricorso ad ulteriore edificazione. Ma tu probabilmente, essendo un costruttore, fai un discorso di parte e cerchi di curare i tuoi interessi. Gli interessi della collettività, invece, sono ben altri e sono quelli che i cittadini costantemente ci comunicano con le loro proposte. Proposte che certamente non parlano di costruire nuove palazzine, per esempio, a Torvaianica Alta, ma di parchi giochi per i loro figli, asili, un teatro, piste ciclabili.

      Grazie per il tuo intervento che mi ha consentito di ribadire ancora una volta l’importanza di una delle nostre stelle: l’ambiente ed il territorio.

      Buona serata.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Valutazione: 5.0/5 (1 voto espressi)
      • Andrea Rossi scrive:

        Gentile Fabio,
        concordo sul fatto che a Pomezia vi siano molti appartamenti sfitti ed in vendita e che il mercato immobiliare locale, oggi anche attraversato da una profonda crisi, non riesca ad assorbire l’offerta presente.
        Devi comunque tenere in considerazione anche la fondamentale regola di domanda/offerta e quindi nel caso in cui non si potesse più costruire edilizia privata a Pomezia inevitabilmente il prezzo degli appartamenti presenti sul mercato aumenterà a scapito degli acquirenti (ovvero i cittadini) ed a tutto vantaggio degli imprenditori del settore.
        Concordo anche sull’assenza dei servizi essenziali per la collettività nei quartieri di Pomezia, ivi compreso Torvaianica Alta, e per quanto riguarda il mio intervento edilizio prevede la cessione di circa la metà del terreno ai fini di pubblica utilità oltre alla realizzazione di opere di urbanizzazione primaria, secondaria e pagamento degli oneri concessori comunali per una somma complessiva di circa 1 milione di Euro.
        Abito a Torvaianica Alta dal 1979 ed il quartiere è nato come borgata abusiva ed i cittadini che vi abitano da tempo sono consapevoli che i servizi essenziali mancano proprio perchè era una vecchia borgata abusiva sorta spontanamente e nessuno dei piccoli proprietari ha ceduto una porzione di terreno all’uso pubblico (fatta salva eccezione per i fronti strada) ma si sono limitati ad edificare muri di recinzione e costruzioni più o meno regolamentari (interrati, sottotetto ed altro).
        Come vedi cerco di essere obiettivo, fare un analisi dei fatti oggettiva e sono d’accordo in linea di principio allo “stop al consumo del territorio” per la nuova edificazione privata, anche perchè in tal caso gli imprenditori edili come me potrebbero comunque lavorare su fabbricati esistenti, sostituzione edilizia, demolizioni- ricostruzioni ed altro ecc. ecc.
        Quello che dico è che come Tu stesso affermi per fare lo “stop” si deve intervenire sul P.R.G. (Piano Regolatore Generale) ed a Pomezia il vigente P.R.G. è inadeguato, risale al lontano 1974 ed il nuovo P.R.G. è in fase di elaborazione da oltre 15 anni !!! incaricato affidato nel 1996 !!! Non mi sembra verosimile attendere i tempi del nuovo P.R.G. per intervenire con celerità ed è per questo motivo che suggerivo dei criteri urbanistici stringenti per la nuova pianificazione di settore a tutto vantaggio della pubblica utilità (anche in attesa di un nuovo P.R.G.).
        Poi vi è anche il problema del bilancio comunale e degli introiti che derivano dall’edilizia privata perchè una cospicua entrata nelle casse comunali è proprio garantita dagli oneri concessori.
        Sarebbe anche utile comprendere come vengono spesi i soldi pubblici ed in particolare quanto ci costa l’Università e la Pomezia Servizi e che benefici traggono i cittadini da questi enti paracomunali.
        Apprezzo la dedizione e passione che impiegate per la partecipazione attiva e sono certo che siete seriamente ed onestamente motivati, parlerò con Renzo e magari alla prossima pubblica riunione verrò ad ascoltare.
        Saluti,
        Andrea Rossi.

        VA:F [1.9.22_1171]
        Valutazione: 0.0/5 (0 voti espressi)
    • lorenzo.sbizzera scrive:

      sinceramente non capisco lo scopo del suo lungo intervento. Dice di conoscerci e seguirci con attenzione, quindi saprà che siamo sempre aperti alle idee e alle proposte di chiunque, nei limiti però di pochi semplici punti fermi alla base del nostro operato politico: la carta di Firenze. Uno di questi punti è lo stop alle nuove costruzioni. Punto. Lei potrà anche essere aperto a confronti, ma se le sue proposte sono queste le dico che sta perdendo tempo, su questo argomento il Movimento 5 Stelle è compatto ed inamovibile.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Valutazione: 5.0/5 (1 voto espressi)
      • Giuseppe Raspa scrive:

        Eh già . Ci fa i “I migliori auguri per le vostre iniziative”. Evidentemente non tutte.

        VN:F [1.9.22_1171]
        Valutazione: 0.0/5 (0 voti espressi)
  14. gerry.signorelli scrive:

    Dato che sono stato menzionato in un commento ribadisco quello che volevo dire: in Austria hanno cotruito molto e, IN PARALLELO, hanno fatto opere per la comunita´ (piste ciclabili ma non solo, raccolta differenziata porta a porta, aree verdi, campi sportivi totalmente gratuiti, mezzi di trasporto pubblico effcientissimi). Quindi secondo me, PRIMA bisogna fare queste cose a Pomezia per i palazzi gia´ esistenti e POI costruirne altri. Aspetto con fiducia di tornare a Pomezia tra un paio di anni e trovare cassonetti per la raccolta differenziata porta a porta, una bella pista ciclabile che mi porti in sicurezza al supermercato, al mare, al borgo antico di Pratica di mare, mi aspetto di trovare dei campi da beach volley, da calcetto, da basket GRATUITI come ci sono qui, in pieno centro a Pomezia (non quei tra campetti “sgarrupati” che sono stati fatti). E infine un bel tram (come hanno fatto qui) nuovo nuovo che mi porti da Pomezia a Roma, senza dover rischiare la vita sulla Pontina ogni giorno. Ecco se fate prima tutto questo poi possiamo anche parlare di costruire altri palazzi per me.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Valutazione: 5.0/5 (1 voto espressi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *