Click per visualizzare il video

Il Consiglio di Stato ha ribaltato la sentenza del TAR che proibiva la costruzione di un inceneritore per rifiuti ad Albano, al confine con Pomezia. L’inceneritore, quindi, per il Consiglio di Stato potrà costruirsi. I materiali derivanti dai rifiuti solidi urbani, anziché essere riciclati per produrre nuova materia, saranno inceneriti e “respirati” dalle popolazioni che vivono nei pressi dell’impianto. Le nanopolveri sprigionate dall’impianto, altamente nocive per la salute umana, raggiungeranno notevoli distanze ed arriveranno senza fatica anche a Pomezia.

Cosa si può fare ora? Continuare a manifestare il proprio dissenso non potrà essere impedito in nessun modo. Si può fare ancora di più. Si può vanificare la costruzione di un impianto di incenerimento di rifiuti puntando con decisione alla raccolta differenziata porta a porta. Grazie alla differenziata i materiali “infiammabili” come carta, stoffa, plastica, legno possono essere facilmente riciclati ed avviati a recupero impedendo così la loro illogica distruzione.

Chi amministra Pomezia, con il Sindaco De Fusco e l’Assessore all’Ambiente Toce in prima linea, sembra non averlo capito e ha intenzione di “bocciare” il porta a porta per tornare ad un metodo “mischiatutto” basato su cassoni multimateriale. Tale metodo non consentirebbe di differenziare oltre il 20% dei rifiuti e avvierebbe quindi all’incenerimento ed alla discarica l’80% di rifiuti che potrebbero essere facilmente riciclati. Il Sindaco e l’Assessore all’ambiente Toce dimostrano nei fatti di voler compromettere il futuro dei cittadini di Pomezia con scelte in controtendenza rispetto a molti altri comuni della Provincia di Roma.

I cittadini meritano amministratori lungimiranti che li ascoltino. De Fusco, Toce ascoltate quei cittadini che hanno manifestato per la vita, per la raccolta differenziata!

VN:F [1.9.22_1171]
Vota questo articolo
Valutazione: 5.0/5 (16 voti espressi)
Ad Albano si bruceranno rifiuti. Toce, il porta a porta lo impedirebbe, 5.0 out of 5 based on 16 ratings
Share →

One Response to Ad Albano si bruceranno rifiuti. Toce, il porta a porta lo impedirebbe

  1. Anna scrive:

    Cercheremo di fare di tutto affinchè questa sciagurata gestione dei rifiuti rinsavisca ed ascolti il forte richiamo dei cittadini. Vogliamo vivere in salute e garantire la salute dei nostri figli e nipoti.Sindaco, assessore, non lavorate contro di noi!

    VA:F [1.9.22_1171]
    Valutazione: 5.0/5 (1 voto espressi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *