Niente da fare. Il Consiglio Comunale anche questa volta è risultato infruttuoso.

All’appello iniziale risultavano assenti (6):

De Fusco

  1. Antonini (PD)
  2. Mesturini (PD)
  3. Mauro (UDC)
  4. Lupo (IDV)
  5. Busti (PSI) – ha presentato giustificazione dell’assenza
  6. Celori (PDL)

Subito dopo l’appello Mirimich (PD) ha chiesto di intervenire sull’ordine dei lavori. Ha chiesto al Presidente del Consiglio il ritiro di tutti i punti all’ordine del giorno per “una verifica di maggioranza”. Ruffini ha quindi sospeso il Consiglio per una riunione con i capigruppo consiliari, alla quale abbiamo partecipato anche noi del Movimento 5 Stelle.
Nella riunione il Presidente ci ha comunicato l’intenzione di voler accettare la richiesta del capogruppo PD Mirimich e di ritirare quindi tutti i punti all’odg. Ho chiesto quindi a Mirimich di motivare la sua richiesta e al Presidente Ruffini di motivare il suo assenso. Mirimich non ha ritenuto di dover fornire spiegazioni mentre Ruffini ha argomentato dicendo che doveva accogliere la richiesta del capogruppo di maggioranza relativa in Consiglio. Ha aggiunto anche che la verifica di maggioranza serve chiarire le posizioni dei vari gruppi consiliari di maggioranza.

Alla ripresa della seduta Ruffini ha comunicato il ritiro del punto sul bilancio consuntivo 2010, perché ancora non deliberato dalla giunta, e il ritiro di tutti gli altri punti all’ordine del giorno, accogliendo le richieste di Mirimich.

Risulta ormai evidente che solo a pochi mesi dal suo insediamento la coalizione che ha il dovere di governare la città non sia più in grado di assicurare un’azione amministrativa che consenta di dare risposte alle esigenze di Pomezia. Questo dimostra ancora una volta come la scelta di realizzare coalizioni bizzarre legate solo da vincoli di opportunità politica si dimostri fallimentare.
Con la città sommersa da mille problemi come quelli finanziari, ambientali, sociali lo stallo che si è venuto a creare nella maggioranza consiliare rischia di affossare situazioni già pesantemente compromesse.

Noi del Movimento 5 Stelle, dal nostro ruolo di minoranza, continueremo ad informare i cittadini, a coinvolgerli e a presentare proposte in seno agli organi competenti che siano orientate all’interesse pubblico.

VN:F [1.9.22_1171]
Vota questo articolo
Valutazione: 4.4/5 (7 voti espressi)
Consiglio Comunale del 28 Novembre 2011: nulla di fatto, 4.4 out of 5 based on 7 ratings
Share →

3 Responses to Consiglio Comunale del 28 Novembre 2011: nulla di fatto

  1. Massimo scrive:

    Ottimo articolo,vi ringrazio per questi preziosi dettagli…bisogna conoscere bene i nomi degli assenti… uff…

    ho appena letto questo articolo a riguardo http://www.ilcorrieredellacitta.com/politica/consiglio-record-sciolto-dopo-pochi-minuti-per-ritiro-di-tutti-i-punti.html

    consiglio record…stiamo rovinati altro che record…

    VA:F [1.9.22_1171]
    Valutazione: 0.0/5 (0 voti espressi)
  2. Giuseppe Raspa scrive:

    Strano che Mirimich ha chiesto di ritirare i punti senza fornire una versione e Ruffini la ha accordata. Si parlava di urbanistica. Proprio una sorpresa è stata…

    VN:F [1.9.22_1171]
    Valutazione: 5.0/5 (1 voto espressi)
  3. Am1979 scrive:

    Non ho più parole 🙁

    VN:F [1.9.22_1171]
    Valutazione: 0.0/5 (0 voti espressi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Looking for something?

Use the form below to search the site:


Still not finding what you're looking for? Drop us a note so we can take care of it!