Salve,

credo che il tema dell’energia e della gestione dei rifiuti sia uno dei principali temi da affrontare a livello locale.

Secondo la mia personale opinione le concessioni edilizie di un comune dovrebbero OBBLIGARE “il costruttore” a munire la palazzina di impianti  per la produzione di energia elettrica che utilizzano fonti rinnovabili (fotovoltaici, eolici, etc.) in grado di coprire, quantomeno, il fabbisogno energetico delle parti comuni della palazzina stessa  (illuminazione scale/cancelli elettici/ascensori).  Inoltre, con il fotovololtaico e lo scambio sul posto il condominio potrebbe accumulare il ricavato del surplus energetico prodotto per coprire le spese condominiali (vedi anche future ristrutturazioni).

Per quanto riguarda il discorso rifiuti, penso che la raccolta porta a porta sia una cosa buona ma, a volte, poco comoda per il cittadino; per questo credo che i condomini/palazzine di nuova costruzione dovrebbero essere munite (sempre obbligando il costruttore) di spazi appositi per la raccolta differenziata (Campane Condominiali) in modo da accelerare la raccolta e togliere ingombro dalle case del cittadino (ahime sempre più piccole).

Sinceramente non so se sto scrivendo cose scontate o già note, ma proprio perchè sembrano scontate la domanda che mi faccio è la seguente: “Perchè non si fa?” .  Purtroppo la risposta che mi sono dato non mi piace: “Interessi dei singoli? Scambio di favori? La CASTA….”

Grazie per l’attenzione,

Vladimiro L. (Un cittadino)

VN:F [1.9.22_1171]
Vota questo articolo
Valutazione: 5.0/5 (5 voti espressi)
Condomini energeticamente autosufficienti e predisposizione alla raccolta differenziata, 5.0 out of 5 based on 5 ratings
Share →

2 Responses to Condomini energeticamente autosufficienti e predisposizione alla raccolta differenziata

  1. Teodorico Minicucci scrive:

    Ciao Vladimiro e benvenuto, sono totalmente d’accordo con te. All’estero oramai sono cose che vengono fatte da anni, ma qui no, per i motivi che ricordavi. Ovviamente qualcuno guadagnerebbe di meno nella vendita di un palazzo. Se ci pensi sempre per lo stesso motivo da anni non vengono più costruiti palazzi con sotto attività commerciali, soprattutto alimentari, continuano a puntare su nuovi e mastodontici centri commerciali, costosissimi e per questo un grande guadagno per qualcuno, che non fanno altro che rendere i quertieri meno vivibili.
    A presto Teo

    VN:F [1.9.22_1171]
    Valutazione: 0.0/5 (0 voti espressi)
  2. leonhart358 scrive:

    io ho sentito che ad oggi per costruire un edificio bisogna rispettare per quanto riguarda la fornitura energetica del abitazione art 28 della legge 9/1/91 n°10 puoi trovare la descrizione di tutti comma che regolano la legge qui : http://www.fire-italia.it/adempimenti/legge10.htm e si dice che esistono già queste regole ed aggi chiunque voglia costruire un abitazione deve fare un impianto che permetta l’allacciamento dei panelli solari

    VN:F [1.9.22_1171]
    Valutazione: 0.0/5 (0 voti espressi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *