Promuoviamo con decisione l’Insegnamento dell’Inglese dalle scuole materne!

Questa lingua e’ ormai fondamentale in tutti i campi, da quello semplicemente culturale a quello occupazionale e lavorativo.

Proponiamo un numero cospicuo di ore di insegnamento, non come adesso, dove in molti casi l’Inglese e’ insegnato per pochissime ore la settimana.

VN:F [1.9.22_1171]
Vota questo articolo
Valutazione: 0.0/5 (0 voti espressi)
Share →

4 Responses to Insegnamento dell’Inglese dalle scuole materne

  1. Cristina Iacobone scrive:

    Ciao Gerry!
    Domandina: qual è il grado di libertà delle singole scuole? Non conosco troppo bene il sistema scolastico e volevo sapere se sarebbe effettivamente possibile per dei singoli istituti decidere di aumentare le ore di inglese se già presenti o introdurle se assenti.
    Grazie delle informazioni!

    VA:F [1.9.22_1171]
    Valutazione: 0.0/5 (0 voti espressi)
  2. gerry.signorelli scrive:

    Ciao Cristina, hai fatto una gran bella domanda. La mia per ora era una piccola provocazione nel senso che da quanto ne so, si fa già qualche ora di inglese alle materne, ma la verità è che l’inglese poi lo parlano davvero poche persone, da adulti.
    Mi riprometto di informarmi sui gradi di libertà che si hanno a livello comunale per quanto riguarda le ore di inglese per i bambini, nel frattempo se conosci qualche maestra (o) che voglia aiutarci nella discussione sarebbe la benvenuta (o).
    Un saluto e a presto!
    Gerry

    VN:F [1.9.22_1171]
    Valutazione: 0.0/5 (0 voti espressi)
  3. FRANCESCA ROMANA MONNI scrive:

    Salve Gerry,
    sono una neo iscritta e mamma di 3 bimbi, su questo argomento sento di dover dire la mia.
    Nella scuola materna di mia figlia hanno proposto un corso di inglese (a pagamento naturalmente) di 1 ora a settimana in cui l’insegnante doveva svolgere un lavoro di gruppo senza confrontarsi direttamente con il bambino per non stressarlo troppo ( immagino quindi la canzoncina di natale, i colori primari e gatto-cane-mucca ), avendo anche l’esperienza di una figlia in quinta elementare (che ha fatto inglese dall’asilo) mi sono dichiarata contraria e ho preferito risparmiare quei 40 euro,
    ti dirò di più: io eliminerei l’inglese per i primi 4 anni di scuola primaria per dare più spazio all’italiano e alla matematica .
    Con le varie riforme scolastiche ci sono sempre meno ore e sempre più materie quindi i bambini se da un lato ricevono molti imput per aprire la mente dall’altro si trovano all’ultimo anno di elementari che incespicano sulle tabelline e faticano a mettere in fila 3 frasi di senso compiuto senza errori ortografici.
    In Olanda, non essendoci una scuola di doppiaggio come quella italiana, le mie nipoti sono cresciute guardando cartoni in inglese ed è diventata una seconda lingua a tutti gli effetti ( conosce molte più parole in inglese un bimbo olandese di 3 anni che guarda i teletubbies che mia figlia di 10 :-S )
    Una o 2 ore a settimana di inglese, se i bambini non hanno altre occasioni di sfruttare la lingua, sono inutili.
    Il salto di qualità in Italia lo vedo quando i bambini/ragazzini cominciano ad ascoltar musica e vogliono tradurre le canzoni dei loro idoli… ma qui siamo gia intorno ai 13 anni
    Questa naturalmente è un’opinione personale e vorrei confrontare la mia esperienza con quella di altri genitori i cui figli frequentano le scuole pometine e magari anche di qualche maestra che ogni mattina si trova misurarsi con una nuova riforma.
    saluti
    Francesca

    VN:F [1.9.22_1171]
    Valutazione: 0.0/5 (0 voti espressi)
  4. gerry.signorelli scrive:

    Ciao Francesca, sono in parte d’accordo con te, innanzitutto perchè ritengo non si debbano pagare 40 euro per un insegnamento che reputo importante.
    Come dicevo anche a Cristina, la mia era una piccola provocazione per porre all’attenzione che la scuola italiana non prepara i ragazzi ad utilizzare concretamente l’inglese.
    In questo modo quando se ne ha bisogno (a me è capitato) lo si deve studiare da adulti con grande sforzo oppure pagando costose scuole di lingua.
    Detto questo da internet non sono riuscito a capire con quali gradi di libertà il comune possa intervenire in queste decisioni di insegnamento oppure quanto gli insegnanti possano metterci le loro idee. Se tu conosci qualche insegnante che ci possa essere di aiuto, te ne saremmo grati.
    Anche le idee e le opinioni di altri genitori sono benvenute in questo forum.
    Un saluto.

    Gerry

    VN:F [1.9.22_1171]
    Valutazione: 0.0/5 (0 voti espressi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Looking for something?

Use the form below to search the site:


Still not finding what you're looking for? Drop us a note so we can take care of it!