Il Radon è un elemento chimico naturale, radioattivo, appartenente alla famiglia dei cosiddetti gas nobili o inerti.

È incolore, inodore, insapore e non può essere avvertito dai sensi . In taluni casi ( ambienti chiusi, locali interrati) può diventare un serio problema ambientale/sanitario, in quanto l’interno degli edifici è generalmente in depressione rispetto all’esterno. Questa depressione produce dei moti convettivi nel suolo che fanno sì che il radon venga “aspirato” verso l’interno degli edifici stessi.

Vivere, lavorare o studiare in ambienti con elevate concentrazioni di radon aumenta la probabilità di contrarre un tumore polmonare.

Da uno studio emanato dal Comune, oltre a numerose altre pubblicazioni, il territorio di Pomezia è a rischio. Conoscere il problema ed attuare una semplice prevenzione può ridurre il rischio

Il Comitato Promotore per la Informazione e Prevenzione Rischio Gas Radon, (C.I.P.R) si pone come obiettivo di sollecitare le amministrazioni ad ottemperare ai loro compiti di legge. Il Comitato, ideato da  Giosuè Auletta, è composto da cittadini, associazioni, medici di base, insegnanti, studenti e professionisti del settore. Diversi studi, anche commissionati da anni dal Comune di Pomezia, confermano l’importanza del problema.

Il Comitato ha promosso e consegnato una petizione popolare , rivolta ai sindaci di Pomezia ed Ardea, chiedendo di INFORMARE i cittadini comuni di Pomezia ed Ardea, come prevede la legge regionale sui rischi alla salute connessi all’esposizione al GAS RADON e di applicare le misure di prevenzione negli ambienti domestici e nei luoghi di lavoro (a partire dalle scuole).

Si sono tenuti  convegni informativi (vedi filmati)

GRAZIE ALLA MOBILITAZIONE, IL COMITATO  HA OTTENUTO CHE L’EX ASSESSORE AMBIENTE DEL COMUNE DI POMEZIA attivasse i monitoraggi  in due scuole pometine, per valutare l’eventuale grado di rischio all’interno degli istituti scolastici.

Il C.I.P.R.  suggerisce che  l’amministazione di Pomezia (e di Ardea) adotti le seguenti misure:

1) Attivare subito un Piano di informazione e di divulgazione, tra la popolazione, dei rischi connessi all’esposizione al gas radon, indicando metodi di controllo delle proprie abitazioni. Tale piano dovrà essere concertato con gli istituti scolastici.

2) Proseguire l’applicazione dei dosimetri all’interno degli istituti scolastici, fino alla totale copertura dei plessi.

3) Applicare, nel regolamento edilizio, adeguate prescrizioni costruttive ed accorgimenti tecnici da osservare nelle nuove edificazioni e nelle ristrutturazioni.

4) Emanare adeguate disposizioni al servizio ispettivo affinché vigili adeguatamente al fine di prevenire e reprimere ogni abuso relativo all’utilizzo indiscriminato delle volumetrie ricavate nel sottosuolo degli stabili ove è più forte la presenza minacciosa del temibile gas Radon, al fine di garantire la salute pubblica dei cittadini.

5) Sostenere la ricerca condotta dagli istituti pubblici, ISPRA e INGV, nell’ambito degli agenti fisici, tra i quali il Radon.

VN:F [1.9.22_1171]
Vota questo articolo
Valutazione: 5.0/5 (2 voti espressi)
Informazione e prevenzione gas radon, 5.0 out of 5 based on 2 ratings
Tagged with →  
Share →

One Response to Informazione e prevenzione gas radon

  1. mariod scrive:

    è bene informarsi ed informare per prevenire!

    VA:F [1.9.22_1171]
    Valutazione: 0.0/5 (0 voti espressi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *